Una settimana a New York: itinerario di viaggio nella grande mela

new york manhattanSiamo stati una settimana a New York a settembre. Un mese ideale, caldo anche se non vi sono più i picchi dei mesi precedenti. Una settimana è il minimo di tempo necessario a farsi una idea di questa città. Qui propongo il nostro itinerario di viaggio e qualche suggerimento derivato dalla esperienza appena vissuta.
Naturalmente il tutto da prendere con le dovute cautele perchè le esigenze e situazioni di partenza possono essere le più diverse…

Se siete intenzionati a visitare questa splendida città consiglio di prenotare con largo anticipo in quanto gli hotel sono sempre superaffollati. Evitate di scegliere un hotel fuori Manhattan o troppo decentrato. Leggerete “comodo, a pochi passi dalla metro”, ma non fatevi tentare dall’idea di risparmiare perchè finirete in realtà a spendere molto di più in taxi.
Portatevi scarpe comode perchè camminerete! New York va girata a piedi, per cui non rinunciate al piacere di uscire a tutte le ore dall’hotel per immergervi nell’atmosfera cittadina. Potete scegliere di soggiornare uptown, vicino ai musei e a Central Park, dowtown verso Soho o più giù.
Noi siamo stati a midtown, nell’Holiday Inn Express vicino a Madison Square Garden, una posizione strategica a poche centinaia di metri da Times Square e dalla 5th Avenue e dalle principali attrazioni.

L’hotel, contrariamente a gran parte degli hotel della città, è piuttosto recente, le camere e le parti comuni sono a posto, senza fronzoli ma pulite e ben tenute. Unico neo: le stanze sono decisamente piccole ! Se viaggiate in due non è un gran problema, ma noi eravamo in quattro e la stanza di fatto era una piccola doppia con due letti matrimoniali ! Ho sentito che questa è una caratteristica comune a Manhattan per cui non fatevi illusioni…Nota molto positiva invece la prima colazione inclusa. Questo invece non è assolutamente comune a New York e vi assicuro che iniziare la giornata con una abbondante colazione prima di uscire per le visite è decisamente comodo!

Un’ultima raccomandazione: organizzatevi da casa con i biglietti così non dovete pensarci sul posto e potete risparmiare fino al 50%. Io ho acquistato online il CityPass New York che offre accesso alle principali attrazioni e il bus tour on-off della Gray Line.

1° giorno: Uptown Tour, Central Park, Harlem, Top of the Rock

La domenica siamo partiti subito con il tour on-off Uptown e Harlem; siamo scesi a Central Park per vedere Strawberry Field, il luogo preferito di John Lennon a pochi passi dal residence dove fu assassinato. Poi Harlem, il quartiere storico degli afro-americani, con le sue case tipiche e le numerose chiese battiste dove cantano i gospel. Abbiamo tentato di entrare nella Abissinian Baptiste Church, la più famosa, ma troppo affollata ed inoltre non facevano entrare neanche i ragazzini con i pantaloni corti, per cui sappiatevi regolare! Abbiamo invece trovato una chiesa battista a poche centinaia di metri dall’ Apollo Theatre, (il Greater Refuge Temple) dove abbiamo assistito ad una cerimonia decisamente suggestiva per i cori gospel, l’enfasi del predicatore e la partecipazione dei presenti. Da non perdere !

Nel pomeriggio siamo saliti sul Top of the Rock (incluso nel City Pass New York) uno dei grat Temple tacieli piu’ alti dal quale si gode di una meravigliosa vista di Central Park e dall’altro lato, della città dominata dall’Empire State Building.

2°giorno: Dowtown Tour, Ground Zero, Brooklin, East side, Night Tour

Il secondo giorno con il bus on-off abbiamo peroorso la parte downtown fermandoci a visitare Ground Zero, l’area monumentale dove erano le torri gemelle distrutte dall’attentato dell’11 settembre e dove si sta ricostruendo il nuovo World Trade Center. Un luogo di raccoglimento per una tragedia ancora così viva.
Da qui alla volta del quartiere di Brooklin, dove si solgeva la Caribbean People Parade, una parata delle comunità caraibiche che si svolge ogni inizio settembre.
Quindi l’attraversamento del famoso ponte, una delle cose da non perdere se si viene a NYC. Attenzione alle mappe: se si vuole attraversare il ponte a piedi bisogna prenderlo da Tillary street, in quanto dal parco sottostante non si può salire sul ponte. Fate attenzione alle biciclette che sfrecciano veloci, ma la traversata a piedi del ponte è una delle cose piu’ suggestive da fare nella città. Da qui si gode di una vista unica sullo skyline di Manhattan e su tutto l‘Hudson. Quindi risaliti sul bus tour per vedere l’East Side, il palazzo dell’ONU e tornare a Times Square.

La sera, non paghi, ci siamo immersi nelle luci della citta’ con il tour notturno che passa in tutti gli angoli piu’ suggestivi.

new york

3° giorno: American Museum of Natural History, Macy’s, Times Square

Ricordate il film “Una notte al Museo”? Il museo in questione è proprio l’American Museum of Natural History, una delle attrazioni più visitate della città (incluso nel City Pass New York). Soprattutto i ragazzi ne rimarranno affascinati! Avevamo programmato di starci un paio di ore, ne abbiamo trascorse quasi quattro senza accorgercene. In questo post ne parlo diffusamente…

Al pomeriggio, complice una leggera pioggia, ci siamo immersi nel piu’ grande magazzino al mondo, Macy’s, la capitale dello shopping e poi nella atmosfera unica di Times Square, con i suoi immensi pannelli video sempre accesi.

4° giorno: MoMa, 5th Avenue

New York è senz’altro la capitale mondiale dell’arte moderna ed il MoMa, The Museum of Modern Art,  è il suo tempio. Delle opere piu’ significative da vedere ne parlo diffusamente in questo post. Non pensate di passarci meno di due, due ore e mezza. Nel pomeriggio usciti dal MoMa abbiamo percorso tutta la 5th Avenue, con i suoi palazzi storici e le vetrine delle firme del fashion mondiale, fino ad arrivare esausti all’hotel.

5° giorno: MET, 6th Avenue, Empire State Building

Il Metropolitan Museum of Art di New York detto MET (incluso nel City Pass New York) è uno dei principali musei al mondo e contiene oltre 3 milioni di opere…per cui organizzatevi in anticipo per non perderne il meglio senza perdere la testa! Delle principali opere da vedere ne parlo in questo post, tenete conto che anche qui meno di tre, tre ore e mezza non le passate.

Nel pomeriggio dopo una camminata sulla 6th avenue verso sud, nel quartiere trendy di Chelsea fino al suggestivo Flatiron Building, il famoso “ferro da stiro”, siamo saliti finalmente sull’Empire State Building (incluso nel City Pass New York). Abbiamo scelto di salire poco prima del tramonto in modo da vedere le luci di questo momento magico e quindi le luci della notte. Tenete conto che c’è una discreta fila e un notevole affollamento sulla terrazza, ma con un po’ di calma troverete il vostro angolo. La vista è di quelle che non si può descrivere a parole.

6° giorno : Little Italy, Chinatown, Hudson Cruise

Non si può venire a NYC senza vedere i suoi quartieri storici. Andate a Canal Street per vedere Little Italy e Chinatown. Il primo è ormai una ridotto ad una sola via di ristoranti tipici, Mulberry Street, con le insegne che rimandano ad una Italia da cartolina, il secondo è, invece il centro di una comunità sempre più numerosa, chiusa nei suoi costumi, nel suo cibo, nei sui riti.

Nel pomeriggio ci siamo imbarcati per la Circle Line Cruise (incluso nel City Pass New York), la minicrociera in battello che partendo dal Pier 83° percorre in un paio di ore tutta la parte sud dell’isola di Manhattan, passando vicino a Ellis island, sotto la Statua della Liberta’, sicuramente uno dei simboli della città e sotto i ponti di Brooklin e Manhattan. La crociera è il modo migliore che avere una vista generale della città sia sul lato di Manhattan che su quello di Long Island.

new york

7°giorno: Theatre District, Time Square, Madison Square

L’ultimo giorno, avendo tutta la giornata a disposizione (il volo partiva alle 23), non abbiamo rinunciato alle ultime visite. Alla mattina nella zona dei teatri, un paio di traverse prima di Times Square. Un mondo di colori, luci e musica. A Times square ci si può sedere sulla gradinata per riposarsi dalle camminate e guardare la folla multietnica che attraversa la piazza. Nel pomeriggio ultimo giro sulla 7th fino a Madison Square una bella piazzetta sotto il Flatiron Building, dove potrete vedere gli scoiattoli girare in mezzo ai tavolini e artisti di strada prodursi in acrobazie varie.

Infine, esausti ma soddisfatti per la settimana trascorsa ci siamo avviati verso il FJK Airport per il volo di ritorno.

Vedi il video di New York

ARTICOLI CORRELATI