I Castelli della Loira in camper

Share:
Condividi

Partiti dalla Bretagna con il camper dopo qualche ora di viaggio arriviamo nella zona dei Castelli della Loira. Una valle incantata ricca di storia, patrimonio dell’umanità UNESCO.

castelli della Loira

Pare di tornare indietro nel tempo lungo le rive della Loira, dove oltre 300 fra castelli e dimore storiche si ergono con le loro architetture e meravigliosi giardini. Purtroppo abbiamo trascorso pochi giorni e quindi abbiamo potuto vedere solo alcuni di questi.

Il primo che abbiamo visitato è il castello di Ussè, dalla architettura di impronta gotica.
Quello che piu’ ci ha colpito è sicuramente il castello di Chenonceau, detto anche “castello delle dame”, uno tra i più visitati dai turisti di tutto il mondo. Questo castello è ben riconoscibile per il ponte coperto che attraversa il fiume Cher, percorso da turisti in barca nei mesi estivi. Fatto costruire da Enrico II per la sua amante, passò alla consorte Caterina de’ Medici alla morte del re.

Da non perdere è anche il castello di Chambord, alla cui costruzione prese parte anche Leonardo da Vinci, che qui passo’ alcuni degli ultimi anni della sua vita. Chambord è un’immensa reggia circondata da un giardino enorme, con la grande scala a chiocciola esterna studiata affinché due persone non si incontrassero mai se non alla base o in cima.

Da vedere il castello di Amboise, nell’omonimo paese, proprio vicino all’area di sosta per il camper, con il suo spettacolo di suoni e luci notturno. Anche qui soggiorno’ Leonardo da Vinci nel suo ultimo periodo prima della sua morte nel 1519 e proprio qui nella cappella di Saint Hubert fu sepolto.

Imperdibile è anche il castello di Chaumont, dove visse inizialmente Caterina de’ Medici, una fortezza dell’XI secolo ricostruita nel 1600. Chaumont è circondato da 26 meravigliosi giardini ed è famoso per il suo Festival des jardins, che dura da maggio a ottobre e che ogni anno ha un tema.

Anche nella Loira come peraltro in tutta la Francia i camperisti sono bene accetti e le aree sono attrezzatissime. Fra tutte segnalo proprio quella vicino ad Amboise, sicuramente la piu’ comoda.

Partiti a malincuore per le troppe cose ancora da vedere ci siamo diretti verso la costa atlantica passando zona del Bordeaux, fino al dipartimento di Gironda, per ammirare la Duna del Pilat, un esempio unico in europa di vera enorme duna di sabbia in riva all’oceano (vai al post sulla Duna del Pilat).

[banner network="altervista" size="300X250"]

ARTICOLI CORRELATI