Spedizione nelle oasi del deserto bianco egiziano

deserto biano

Nel mezzo del deserto egiziano si trovano alcune delle oasi piu’ affascinanti del Sahara. Questo tour vi porta a visitarle in compagnia di esperti del tour operator Kel 12, Elena Dacome e del Colonnello Mestekawi, che condurranno i viaggiatori sulle estreme ondulazioni nord orientali del Sahara: alcune fertili oasi, adagiate entro conche appena al di sopra del livello del mare, interrompono l’aridità della sabbia: Bahariya, Farafra, Siwa dalla tipica struttura di villaggio fortificato.

Farafra , è la più piccola oasi del Deserto occidentale in Egitto. Si trova a circa metà strada tra le oasi di Dakhla e Bahariya. Farafra ha circa 5.000 abitanti , concentrati nell’unico paese (Qasr Farafra). La maggior parte degli abitanti sono beduini. Vicino a Farafra si trovano le sorgenti calde di Bir Setta e il lago di El Mufid.

La principale attrazione di Farafra è il cosiddetto Deserto bianco (Sahara el Beyda) che si trova a 45 km a nord di Farafra. Il colore bianco crema è legato a formazioni rocciose di gesso che sono state create a seguito di tempeste di sabbia.

Bahariya invece  è una delle più vaste necropoli dell’antico Egitto, che risale alla dinastia tolemaica (305 a.C.-35 a.C.) e alla occupazione romana. Nel 1999 sono state ufficialmente presentate le nuove scoperte effettuate nella Valle delle mummie d’oro che sono state considerate le “maggiori e più recenti scoperte archeologiche dei nostri giorni.

Il direttore degli scavi, il dott. Zahi Hawass ha scoperto in questa località più di 10.000 mummie del I e II secolo d. C. Degne di nota sono anche le tombe precristiane che si trovano in un tumulo non lontano dal centro dell’oasi. I colori delle immagini e dei geroglifici si sono mantenuti particolarmente bene e non hanno nulla da invidiare a quelli delle tombe della Valle dei Re.

All’interno dell’oasi di Bahariya vi sono anche i resti di un tempio dedicato ad Alessandro Magno. Alcuni egittologi ritengono che il condottiero macedone sia passato per Bahariya sulla via del ritorno dalla sua visita all’oracolo di Ammone a Siwa.

Siwa infine è un’oasi del deserto libico, che appartiene all’Egitto a circa 300 chilometri dalla costa del Mar Mediterraneo, nel territorio del Governatorato di Matruh, quasi al confine con la Libia. Una strada la collega al capoluogo Marsa Matruh a nord, nonché all’oasi di Bahariya a est. Situata in una profonda depressione (18 m sotto il livello del mare), Siwa è molto ricca di acque e produce grandi quantità di datteri di ottima qualità. L’acqua di Siwa viene anche sfruttata da una impresa italo-egiziana che la imbottiglia e la commercializza in gran parte dell’Egitto.

Nell’antichità Siwa era nota per il tempio dedicato al dio Sole (per gli Egizi Amon), che ospitava un celebre oracolo. Secondo Erodoto, la tribù libica che abitava l’oasi era quella degli Ammonii. Nel VI secolo a.C. l’imperatore persiano Cambise II, dopo avere sottomesso l’Egitto, cercò di conquistare l’oasi con un esercito che si perse nel deserto senza più fare ritorno.

Da Siwa e dall’oracolo del dio Ammone passo’ tra gli altri, Alessandro Magno, ricevendone vaticini particolarmente favorevoli e la consacrazione a figlio della divinità. Molti sostengono che egli abbia scelto di farsi seppellire proprio nell’oasi di Siwa, e non ad Alessandria, come comunemente si ritiene.

In queste oasi abitate da genti genuine, vi si ritrova l’antica ospitalità del popolo arabo all’ombra dei grandi palmeti dove sopravvivono le complesse ed efficaci tecniche di irrigazione originarie.

Kel 12 ha un partner locale di rilievo in Egitto, il colonnello Ahmed el Mestekawi, vero “signore del deserto”, per 20 anni a capo del contingente anti contrabbando e sicurezza sulla frontiera libica e sudanese.

Caratteristiche del viaggio

EGITTO IL GRANDE MARE DI SABBIA E IL DESERTO BIANCO, 11 GIORNI

Trasporto aereo A/R da Roma ; trasferimenti da e per gli aeroporti in Egitto; trasporti interni con vetture 4×4; sistemazione in camera doppia in hotel di categoria 4 stelle a Il Cairo e in tenda igloo a due posti durante il circuito nel deserto; tutto il materiale da campo eccetto sacco a pelo e cuscino, trattamento di pensione completa. Esperto Kel 12: Elena Dacome

Prezzo: a partire da 1.850 euro

Partenza 26 dicembre GARANTITA

per informazioni

ARTICOLI CORRELATI